Software & Servizi per la Pubblica Amministrazione e Aziende
15 Settembre 2020

DL Semplificazioni è legge: approvazione definitiva del decreto

dl-semplificazioni-diventa-legge

Dopo le modifiche approvate dal Senato, il D.L. Semplificazioni supera il vaglio della Camera e diventa legge. Pubblicata in Gazzetta Ufficiale in data odierna, la legge n. 120 del 11 Settembre 2020 di conversione del D.L. Semplificazioni (Decreto Legge 16 luglio 2020, n.76) è stato approvato dalla Camera lo scorso 10 settembre senza emendamenti né articoli aggiuntivi alla versione proposta dal Senato.

Le ultime novità: il D.L. Semplificazioni valido sino al 31 dicembre 2021

Le modifiche apportate dal Senato, e poi accolte, riguardano il Capo I del Decreto, rubricato “Semplificazioni in materia di contratti pubblici”.

Il cambiamento più importante è proprio la proroga del termine: non più sino al 31 luglio 2021 ma sino al 31 dicembre 2021, sia per le procedure sotto soglia sia per le procedure sopra soglia.

Per le procedure sotto soglia si prevede:

  • l’affidamento diretto per lavori di importo inferiore a 150.000 euro e per servizi e forniture (compresi i servizi di ingegneria e architettura e l’attività di progettazione) di importo inferiore a 75.000 euro. Nella versione precedente era previsto l’affidamento per servizi e forniture nei limiti delle soglie di cui all’articolo 35;
  • una procedura negoziata, senza bando, previa consultazione di un numero di operatori variabile (5, 10 o 15) sulla base dell’importo complessivo, per tutte le prestazioni di importo pari o superiore a 150.000 euro, per i servizi e forniture superiore ai 75.000 euro, inferiori comunque alle soglie comunitarie.

Con queste modifiche, si garantirà non solo la qualità delle prestazioni e la sicurezza ma anche il rispetto dei principi di buon andamento della pubblica amministrazione, come suggerito da ANAC nelle proprie osservazioni.

Si riafferma inoltre l’assenza della garanzia provvisoria per gli affidamenti sottosoglia, salvo particolari esigenze, e la responsabilità del RUP per danno erariale in caso di mancato rispetto dei tempi di affidamento prescritti.

Per le procedure sopra soglia, e in merito alle verifiche antimafia, si riconferma l’orientamento espresso dal precedente testo del D.L. 76/2020 che mira alla semplificazione; nello specifico, la stipula dei contratti pubblici è consentita sulla base di un’informativa antimafia liberatoria provvisoria, valida per 60 giorni, fermo restando il recesso in caso di una successiva pronuncia interdittiva.

Un’ulteriore novità approvata dal Senato è da rintracciare nei documenti di regolarità contributiva (Art. 8 comma 10-bis): non va presentato solo il DURC ma anche il documento relativo alla congruità dell’incidenza della manodopera.

Infine, sempre per le procedure sopra soglia, sarà obbligatorio costituire collegi consultivi tecnici, per dirimere le dispute tecniche e le controversie in modo rapido e non bloccare gli appalti. Per evitare, infine, la mancanza di risorse e il conseguente stop dell’appalto, viene creato un apposito Fondo, che potrà finanziare temporaneamente le Stazioni Appaltanti.


IL WEBINAR DI APPROFONDIMENTO SUL DECRETO SEMPLIFICAZIONI

Il Decreto Semplificazioni diventa legge senza modifiche sostanziali. DigitalPA ha organizzato per il 29 Settembre un webinar in cui il dott. Maurizio Cari, revisore dei conti, dottore commercialista e assistente del RPCT del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati del Tribunale di Velletri, approfondirà la Legge 120/2020, evidenziando le deroghe introdotte, le novità ma soprattutto i problemi pratici alla luce delle nuove disposizioni.

Si parlerà della verifica dei requisiti per gli appalti sopra e sotto soglia, del rispetto dei principi di buon andamento della P.A., della determina a contrarre e dell’aggiudicazione.

Contatta un nostro consulente per un preventivo personalizzato in base al numero dei partecipanti del tuo Ente.


Contattaci

 

 

All rights reserved © 2020 | Powered by DigitalPA Srl